Passa ai contenuti principali

Tratti Asperger femminili / di Rudy Simone. - ©www.help4aspergers.com

Queste liste si basano sulla mia ricerca. Mentre altri potrebbero giungere a delle conclusioni affini, ho basato queste osservazioni sulle Aspergirls su interviste con dozzine di donne diagnosticate di tutte le età e livelli di istruzione, di tutto il mondo. Questi tratti erano trame che attraversavano tutte le loro informazioni e narrazioni, legandole insieme. Come sempre, non intendo dire che tutte le donne con Asperger hanno tutti questi tratti, e non mi va di inscatolarci, ma c'era bisogno di un prontuario facile da leggere. Sicuramente questa lista verrà ampliata e riveduta in futuro.
 
Queste tabelle sono protette da copyright. Vi prego di NON mandarmi una mail per chiedere il permesso di riprodurle - basta riportare il simbolo di copyright e riconoscere il credito all'autrice.
 
Vorrei che inoltre, PER FAVORE, usaste la "Swear Jar" [letteralmente, "il salvadanaio in cui versare la multa per ogni parolaccia"] (in basso, oppure a destra, a seconda dello schermo di telefonino o computer che state usando) per una donazione da 10 Dollari USA. Non mi finanzia nessuna università, clinica, assegno di ricerca, niente. Solo i proventi del libro "Aspergirls", per cui sarebbe meglio che voi compraste proprio il libro. Grazie!


Rudy Simone



(tutto il post è una traduzione di http://aspergirlsociety.org/female-as-traits/)
  1. Aspetto - abitudini

    1. Si veste comodamente, per problemi sensoriali o per praticità.
    2. Non spende molto tempo nella cura di sé e dei capelli. Le pettinature normalmente sono del tipo "lava ed indossa". Può essere assai contenta se riesce a saltare di tanto in tanto il prendersi cura di sé.
    3. Personalità eccentrica. Può esprimersi pure nell'aspetto.
    4. Più giovanile della sua età nell'aspetto, abbigliamento, comportamento e gusti.
    5. Normalmente un po' più espressiva in viso e nei gesti degli Asperboys.
    6. Può non avere un forte senso dell'identità, ed essere assai camaleontica, specialmente prima della diagnosi.
    7. Ama la lettura ed i film come rifugio; spesso si tratta di fantascienza, fantasy, libri per bambini, e può avere dei preferiti che sono il suo rifugio.
    8. Per gestire lo stress ricorre al controllo: regole, disciplina, rigidità in certe abitudini, che contraddicono il suo sembrare apparentemente anticonvenzionale.
    9. Generalmente felicissima a casa od in altri ambienti ben controllati.
  2. Intelletto - Doti particolari - Istruzione - Professione

    1. Da giovane può essere stata diagnosticata come autistica od Asperger, o può essere stata considerata dotata, timida, sensibile, ecc. Potrebbe anche aver avuto disturbi dell'apprendimento evidenti o gravi.
    2. Spesso con talento musicale od artistico.
    3. Può essere una "savant", od avere uno o più talenti forti.
    4. Può avere un forte interesse per i computer, i giochi, la scienza, la grafica, l'inventare cose di tipo tecnologico o visivo. Pensatrici più verbali possono gravitare verso la scrittura, le lingue, gli studi culturali, la psicologia.
    5. Può avere imparato da sola a leggere, essere stata iperlessica da piccola, e possiede inoltre un'ampia varietà di abilità apprese da autodidatta.
    6. Può essere molto istruita, ma la socializzazione all'università è stata per lei una lotta. Può avere uno o più corsi di laurea incompiuti.
    7. Può avere una grande passione per un corso di studi od un lavoro, e poi cambiare direzione o diventare gelida nei suoi confronti con grande rapidità.
    8. Spesso avrà dei problemi a tenersi un lavoro e potrebbe sentirsi sopraffatta dal lavoro che fa.
    9. Molto intelligente, ma talvolta tarda di comprendonio per problemi sensoriali o cognitivi.
    10. Non se la cava bene con le istruzioni verbali - meglio metterle per iscritto o tracciare un diagramma.
    11. Avrà delle ossessioni, ma meno insolite di quelle degli Asperboys (è meno probabile che si dia al "train-spotting = prender nota dei treni in transito").
  3. Emozioni - Corpo

    1. Emotivamente immatura ed emotivamente sensibile.
    2. Le emozioni predominanti sono l'ansia e la paura.
    3. Più aperta a parlare dei sentimenti e dei problemi emotivi degli Asperboys.
    4. Forti problemi sensoriali - nei campi uditivo, visivo, olfattivo, tattile - e facile al sovraccarico. È meno probabile che abbia dei problemi con il gusto o la grana dei cibi rispetto agli Asperboys.
    5. Umorale e facile ad avere episodi depressivi. Potrebbe essere stata diagnosticata come bipolare o maniaco-depressiva (che spesso sono in comorbidità con l'autismo/Asperger), ignorando la diagnosi di Asperger.
    6. Con ogni probabilità le sono stati date diverse prescrizioni per trattare i sintomi. Molto sensibile alle medicine ed a qualsiasi cosa lei introduca nel suo corpo, per cui potrebbe aver avuto reazioni avverse.
    7. 9 volte su 10 ha problemi gastrointestinali da lievi a gravi - per esempio, ulcera, reflusso gastro-esofageo, sindrome del colon irritabile, ecc.
    8. Si autostimola per calmarsi quando triste od agitata: si dondola, si strofina il viso, canticchia sottovoce, schiocca le dita, agita una gamba, tamburella con le dita o batte il piede, eccetera.
    9. In modo simile quando è felice: agita le mani, applaude, canta, salta, corre in giro, danza, saltella.
    10. Facile agli scoppi d'ira o di pianto, anche in pubblico, talvolta per cose che sembrano piccolezze, a causa di un sovraccarico sensoriale od emotivo.
    11. Odia l'ingiustizia ed odia non essere capita. Questo può innescare ansia o rabbia.
    12. Facile al mutismo quando stressata o turbata, specie dopo un meltdown. È meno probabile degli Asperboys che balbetti, ma può avere una voce stridula, talvolta monotona, quando stressata o triste.
  4. Rapporti sociali

    1. Le parole e le azioni sono spesso fraintese.
    2. Percepita come fredda ed egocentrica; non amichevole.
    3. Alle volte parla molto apertamente, può accendersi ed illuminarsi quando parla delle sue passioni o dei suoi interessi ossessivi.
    4. Può essere molto timida o silenziosa.
    5. Come l'Asperboy, può fare shutdown nelle situazioni sociali che la sopraffanno, ma è generalmente migliore nel socializzare a piccole dosi. Può anche dare l'impressione di essere abile, ma è una "recita".
    6. Non esce tanto. Preferisce uscire solo col partner o con i figli, se ne ha.
    7. Non avrà tante amiche, e non farà cose "da donna" come far la spesa insieme con loro od incontrarsi con loro per "stare insieme".
    8. Avrà un amico intimo, o degli amici intimi a scuola, ma non una volta raggiunta l'età adulta.
    9. Può desiderare o meno di avere una relazione. Se è in una relazione, probabilmente la prende molto sul serio, ma potrebbe scegliere di rimanere celibe o sola.
    10. Per questioni sensoriali, o gode moltissimo del sesso, o lo detesta proprio.
    11. Se lei è invaghita di un uomo, può essere visibilmente, enormemente goffa nel tentativo di farglielo capire - per esempio, quando lo guarda lo fissa, o continua a chiamarlo al telefono. Questo perché si fissa ossessivamente e non capisce i ruoli di genere sociali. Con la maturità questo cambierà.
    12. Spesso preferisce la compagnia degli animali, ma non per problemi sensoriali.




Nota della traduttrice: per l'anagrafe italiana sono un maschio, ma quasi tutto quello che è scritto qui vale anche per me. Sono un'Aspergirl non binaria, dunque?

Raffaele Yona Ladu

Commenti

Post popolari in questo blog

Etica sessuale

Un amico mi ha detto che alcune differenze di opinioni che abbiamo sulle questioni di sessualità e genere potrebbero essere dovute alle nostre diverse esperienze di vita.
Io gli ho risposto che mi esprimo meglio per iscritto che a voce, soprattutto in queste cose, e perciò avrebbe letto l'esposizione delle mie idee – questa - sul blog.
Io vorrei partire da due principi etici che ritengo fondamentali.
Il primo è noto come “La regola aurea”, nota in molte culture del mondo, e di cui la versione ebraica attribuita a rav Hillel il Vecchio (vissuto un secolo prima di Gesù) e riportata nel Talmud (bShabbat 31a) recita così:
“Quello che ti è sgradito al tuo prossimo non lo fare. Questa è tutta la Torah, il resto è commento. Va’ e studia”.
La prima frase sembra ovvia: non devi nuocere al tuo prossimo. Conseguenza un po’ meno ovvia è che non devi vietare quello che non fa male a nessuno, perché limiteresti la libertà del tuo prossimo senza motivo, nuocendogli.
La frase “Va’ e studia…

Per Politesse e Desiderabili

Ciao a tutt*.
Avevo promesso alla conferenza di Desiderabili su Vita indipendente, autodeterminazione ed affettività di parlare un po' di autismo e sindrome di Asperger, condizione che mi è stata diagnosticata lo scorso 28/09/2016.
Una breve descrizione della sindrome (tarata su* bambin*, più che su* adult*) la si trova qui; nelle donne la sindrome ha delle peculiarità che la rendono più difficile da diagnosticare, e le trovate qua - curiosamente mi ritrovo più in questa lista che nella precedente.
Ci sono numerose associazioni che si occupano di autismo e/o sindrome di Asperger (ora ribattezzata "autismo ad alto funzionamento" o "disturbo dello spettro autistico") - il Coordinamento Autismo Veneto, fondato nel Marzo 2016, ne raggruppa attualmente 19.
La più attiva anche a livello nazionale è l'ANGSA; io sono iscritto al Gruppo Asperger Veneto - sta creandosi una sezione veronese che si preoccuperà soprattutto di trovare lavoro alle persone Asperger.
Esse …

Menomazione, disabilità, handicap - e Gesù Cristo

Mentre facevo la coda in farmacia, stavo leggendo il libro “The Disabled God : Toward a Liberatory Theology of Disability / Nancy L. Eiesland ; Foredowrd by Rebecca S. Chopp”, di cui ho citato un brano qui.
Un signore mi ha chiesto che libro leggessi, e gli ho tradotto il titolo: “Il Dio disabile : Verso una Teologia della Liberazione della Disabilità”.
“Dio Disabile?”, ha chiesto il signore, ed ho spiegato: “Il libro parla di Gesù Cristo. L’autrice ricorda quando Gesù apparve a Tommaso mostrandogli le piaghe sulle mani e sul costato” (Giovanni 20:27).
“Sì, ma Gesù era abile, abile! Prima di apparire piagato era apparso intero!”
Io non ho voluto proseguire il discorso. Credo però che il signore, come molte altre persone simili a lui, avesse delle idee profondamente sbagliate sulla disabilità e perfino sul cristianesimo.
Per quanto riguarda la disabilità, credo che sia il caso di imparare tre termini utili:
Menomazione; Disabilità; Handicap.
La menomazione è ciò di cui sono d…